Regionali

Le origini della pasta raccontano una storia molto antica fin dai tempi dei romani; come il filosofo gastronomico latino apicio per esempio, scrittore del i sec. D.C. E autore del primo libro di cucina tutt’ora conosciuto, che descrive in maniera particolare i condimenti facendo intendere che la pasta fosse ampiamente conosciuta ed usata in tutta l’italia antica. Con l’introduzione e l’invenzione in italia del sistema di bollitura nel periodo del medioevo, nacquero le prime paste forate (rigatoni, penne e bucatini) mentre l’invenzione della pasta secca è da attribuire storicamente agli abitanti della sicilia musulmana che svilupparono e perfezionarono metodi efficaci di essiccazione all’aria aperta.

Taccozzette 500 g

Originario dell’Abruzzo, questo formato di pasta artigianale dalla forma a rombo, è l’ideale per uno dei piatti tipici di questa regione, le “sagne e fagioli” (o ceci) oppure può essere accompagnato da un brodo di pollo o di verdure. Consigliamo anche di provare le Taccozzette “Mare e Monti” con legumi, sugo alla “Pescatora” e olio extra vergine d’oliva INTOSSO Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 10-12 minuti.

Armoniche 500 g

Anche note con il nome di Radiatori, le armoniche sono un tipo di pasta autoironico e allegro, ma non per questo di scarsa qualità. Il sugo di pomodoro Rustichella d’Abruzzo costituisce senz’altro un tipo di accoppiamento molto raccomandabile per via della forma rustica della pasta e semplice, che pertanto predilige condimenti semplici e non elaborati. Tempo di cottura: 8-10 minuti.

Cannolicchi 500 g

Originario della Sicilia, questo formato di pasta corta dalla forma a spirale ben definita e con il foro centrale perfetto per accogliere il condimento all’interno, è l’ideale per esaltare una grande varietà di condimenti. Consigliati nella classica ricetta con “ragù di carne alla Siciliana” ma anche con i sughi “alla Norma”, alle “Olive”, ai “Peperoni” e alla “Pecorara” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 7-9 minuti.

Trenne 500 g

Originario del centro Italia, questo formato di pasta artigianale molto somigliante alle penne ma dalle estremità “a triangolo”, vengono tradizionalmente servite con un condimento a base di verdure o con un condimento fresco e leggero a base di tonno, mozzarella e pomodorini, proprio come si farebbe con le penne classiche. Si abbinano bene anche con il sugo “alla Arrabbiata” o “alla Amatriciana” Rustichella d’Abruzzo. Gli Chefs apprezzano molto questo formato per elevata estetica e capacità di impiattamento. Tempo di cottura: 10-13 minuti.

Pasta al Ceppo 500 g

Questo formato di pasta ha la stessa dimensione e forma di un bastoncino di cannella. con una scanalatura centrale in grado di catturare il condimento all’interno. E’ consigliabile l’accostamento a ragù di carne o di verdure con un filo di olio extra vergine d’oliva INTOSSO Rustichella d’Abruzzo e Parmigiano Reggiano, oppure con salsiccia, cicoria e spicchi di aglio, o ancora al forno con mozzarella di bufala e pomodoro. Tempo di cottura: 10-12 minuti.

Cencioni 500 g

Originario della centro-sud dell’Italia, questo formato di pasta artigianale dalla forma ovale e con una arricciatura verso l’alto, trova largo uso in diversi tipi di ricette. A Siena per esempio, in occasione del Palio vengono preparati proprio i Cencioni Rustichella d’Abruzzo su fonduta di pecorino, pomodorini e rucola, un piatto destinato al vincitore. Le varianti “Mediterranee” prevedono pomodoro, acciughe, capperi e ricotta salata, oppure ricotta di pecora, salsiccia calabrese, passato di pomodoro e cipolla di tropea, per esaltare i diversi ingredienti della dieta Mediterranea. Si sposano bene anche con un sugo al “Pomodoro e Basilico” da coltivazione biologica Rustichella d’Abruzzo . Tempo di cottura: 12-16 minuti.

Fusilli al Ferretto 500 g

Originario della Calabria, questo particolare formato di pasta artigianale è realizzato a mano avvolgendo la pasta intorno ad un “ferro da calza”, ed è uno delle recenti novità della linea Rustichella d’Abruzzo. Consigliamo l’abbinamento ad un condimento di crema di carciofi e noci, o pesto di cicoria e salsiccia o radicchio e speck. Si abbinano bene anche a sughi rossi come quello alla “Ortolana”, alla “Genovese” e alla “Puttanesca” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 13-15 minuti.

Fregola Sarda 250 g

Originario della Sardegna, questo formato di pasta artigianale è realizzato solo con semola di grano duro e acqua per “sfregamento” della semola in un grande catino di coccio, dove viene spruzzata una miscela di acqua e zafferano (che conferisce il meraviglioso colore giallo intenso) e dove “a mano” si realizzano queste palline di semola di forma irregolare che vengono poi tostate in forno. La ricetta tradizionale vuole la Fregola cucinata con le arselle o “risottata” ai frutti di mare con scorza di limone oppure con cime di rapa, pomodorini, aglio e Parmigiano Reggiano ; in alternativa è possibile condire questo caratteristico formato con zucchine arrosto, pomodori pachino e olio extra vergine d’oliva INTOSSO Rustichella d’Abruzzo oppure secondo la ricetta dello Chef stellato William Zonfa, che la cucina con salsiccia artigianale, mirtillo ed olio extra vergine di oliva INTOSSO Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 14-17 minuti.

Anelletti 500 g

Originario della Sicilia, questo formato di pasta artigianale dalla forma di piccoli anelli viene preparato come Timballo “alla Palermitana”, uno dei piatti tipici della tradizionale siciliana, in brodo di pollo o con burro e formaggio. Si abbinano al sugo “Pomodoro e Basilico” e alla “Salsiccia” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 12-14 minuti.

Gnocchetti Sardi 500 g

Originari della Sardegna e dalla forma simile a una conchiglia rigata di lunghezza intorno ai 2 cm, rappresentano il piatto tradizionale più preparato in tutte le occasioni importanti, dalle rievocazioni storiche alle feste di paese, passando per le sagre e i matrimoni. La semplicità di questo formato, che deriva dall’impasto delle migliori semole di grano duro e acqua e dalla trafilatura al bronzo con essiccazione a bassa temperatura, si sposa con la grande variabilità di condimenti che possono abbinare. La ricetta classica è “alla Campinadese”, che prevede un condimento a base di ragù di salsiccia sarda, soffritto in olio extra vergine di oliva con cipolla tritata, pomodoro, fili di zafferano e pecorino sardo grattugiato. Tra i condimenti alle verdure si può spaziare dal classico “broccoli e salsiccia” ad un pesto delicato di spinaci, mandorle, olio extra vergine d’oliva INTOSSO Rustichella d’Abruzzo e Parmigiano. Sposano bene anche con sughi alla “Pecorara”, alle “Olive” e ai “Peperoni” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 11-13 minuti.

Ruote di Carro 500 g

La natura semplice e goliardica di questo formato artigianale rende abbinabile condimenti per insalate di pasta, come pomodorini, mozzarella, basilico, mais e olio extra vergine di oliva INTOSSO Rustichella d’Abruzzo, oppure per minestroni di verdure. Si sposano bene con il sugo “Pomodoro e Basilico” Rustichella d’Abruzzo, Parmigiano Reggiano e basilico. Tempo di cottura: 10-12 minuti.

Trofie 250 g

Originario della Liguria, questo formato di pasta artigianale viene tradizionalmente servito con pesto e fagiolini di stagione, oppure con pomodorini, zucchine e Parmigiano Reggiano o asparagi e prosciutto. Si abbinano bene anche al “Pomodoro e Basilico” da coltivazione biologica, alla “Genovese” e alla “Ortolana” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 10-12 minuti.

Scialatielli 500 g

Originario di Napoli, questo formato di pasta artigianale di metà lunghezza rispetto agli spaghetti e con sezione quadrata, è una delle recenti novità della linea Rustichella d’Abruzzo. Tradizionalmente viene servito con pomodoro e basilico fresco ma si abbina molto bene anche al sugo alle “Olive”, ai “Peperoni” e “Cacio e Pepe” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 11-13 minuti.

Le Virtù 500 g

Questo formato di pasta “mista” artigianale nasce e si sviluppa nella terra d’Abruzzo, in particolare a Teramo, dove già nel 1800 le massaie pulivano le credenze dai resti degli alimenti preparati durante l’inverno, cucinando un piatto unico “abbondante” con prodotti come legumi, vari tipi di pasta secca, verdure fresche, prosciutto crudo e uova, con l’intento di lasciarsi alle spalle l’inverno e festeggiare l’inizio della primavera. LE VIRTU’ si sposano bene anche con sughi quali “alla Norma”, alla “Pecorara” e ai “Peperoni” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 8-10 minuti.

Orecchiette 500 g

Formato artigianale tipico della regione Puglia, prendono il nome dalla loro forma caratteristica di “orecchie piccole” realizzata premendo l’impasto con il pollice. La classica ricetta li vede preparati “alla Pugliese” con cime di rape, salsiccia e aglio ma si sposano bene anche con un corposo ragù di carne e nelle insalate di pasta. Possono essere abbinate al sugo alle “Olive”, alla “Pecorara” o “alla Norma” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 12-16 minuti.

Cavatelli 250 g

Originario del Molise, questo formato di pasta artigianale dalla forma allungata e con una incavatura all’interno, è molto diffuso nel sud Italia. La ricetta tradizionale li vuole in abbinamento con un ragù di carne o con broccoli e salsiccia. Si accompagnano molto bene anche al “ragù bianco con Porcini” e al “sugo bianco alla Salsiccia” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 10-12 minuti.

Torchietti 500 g

Questo particolarissimo formato di pasta artigianale dalla forma “a ricciolo” si abbina a condimenti a base di ragù di verdure o di carne, oppure con crema di Gorgonzola e noci o con piselli e salsiccia. Consigliamo l’abbinamento dei Torchietti anche con il sugo alla “Puttanesca”, alla “Genovese” e al “ragù bianco con Porcini” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 10-12 minuti.

Farfalloni 500 g

Originario del nord Italia, questo formato di pasta corta dalla tipica forma a “papillon” è protagonista sulle tavole di Emilia-Romagna, Abruzzo e Puglia. Le ricette più conosciute vogliono i Farfalloni cucinati con panna e salmone, piselli e speck o con una fonduta di zucca, noce moscata e parmigiano. Questo formato si accompagna molto bene anche a diverse tipologie di sugo come quello classico al “Pomodoro e Basilico” oppure alla “Pecorara”, alle “Olive” e ai “Peperoni” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 11-13 minuti.

Strozzapreti 500 g

Originario dell’Italia centrale, questo formato di pasta artigianale dalla forma di grossi cannelli lunghi circa un pollice, prende il nome dalla proverbiale ed ironica golosità dei preti. Si abbina benissimo a un condimento “Mari e Monti” con pecorino, fagiolini e cozze oppure con broccoli e salsiccia. Consigliamo anche l’abbinamento al sugo alla “Genovese” e alla “Pescatora” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 13-18 minuti.

Farfalloni 500 g

Originario del nord Italia, questo formato di pasta corta dalla tipica forma a “papillon” è protagonista sulle tavole di Emilia-Romagna, Abruzzo e Puglia. Le ricette più conosciute vogliono i Farfalloni cucinati con panna e salmone, piselli e speck o con una fonduta di zucca, noce moscata e parmigiano. Questo formato si accompagna molto bene anche a diverse tipologie di sugo come quello classico al “Pomodoro e Basilico” oppure alla “Pecorara”, alle “Olive” e ai “Peperoni” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 11-13 minuti.

Pici 500 g

Originario della Toscana, questo tipo di pasta artigianale simile agli spaghetti ma più larghi, è una delle recenti novità della linea Rustichella d’Abruzzo. Il condimento classico con il quale si accompagnano è “l’aglione” (un sugo di pomodoro unito ad un particolare tipo di aglio che nasce e cresce solo a Sarteano e dintorni), il sugo al fegato di coniglio, il ragù di carne o semplicemente “alle briciole” (briciole di pane toscano soffritte in olio di oliva). Si accompagnano bene al sugo ai “Funghi Porcini”, alla “Carbonara” e “Cacio e Pepe” Rustichella d’Abruzzo. Tempo di cottura: 20-22 minuti.

Pizzoccheri 500 g

Originario della Valtellina questo tradizionale formato di pasta dalla forma simile alle Tagliatelle con lunghezza di 7 cm e spessore di 1 cm, viene realizzato impastando 2/3 delle migliori semole di grano saraceno con 1/3 di semola di frumento, secondo la antica ricetta tradizionale che conferisce il tipico colore grigio scuro. La ricetta tradizionale vuole i Pizzoccheri cucinati “alla Valtellinese”, che prevede un condimento a base di verza, patate a pezzi, formaggio, burro, aglio e salvia. Si sposano bene a condimenti corposi come il sugo bianco alla “Salsiccia e Pecorino”, “Tartufata”, alla “Pecorara” e ai “Funghi Porcini”. Tempo di cottura: 10 minuti.

TOP
Rustichella d'Abruzzo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close